regio      ue      gr      mdrap      pu        is   
Investim în viitorul tău ! Proiect selectat în cadrul Programului Operaţional Regional şi cofinanţat de Uniunea Europeană prin Fondul European pentru Dezvoltare Regională.

Itinerari turistici

 

ITINERARI TURISTICI NELLE MONTAGNE RETEZAT

1. Oraşul Uricani (775m) - curmătura Tulişa (1555 m) - dealul Făgeţel (1591 m) - vf. Bilugu Mic (1532 m) - vf. Bilugu Mare (1755 m) - vf. Lazăru (2290m) - vf. Gruniu (2300 m) - vf. Custura (2457 m) - vf. Păpuşa (2500 m) - vf. Peleaga (2509 m) - lacul Bucura (2041 m).



Citta` Uricani (775m) - curmătura Tulişa (1555 m) - colina Făgeţel (1591 m) - cima Bilugu Mic (1532 m) - cima Bilugu Mare (1755 m) - cima Lazăru (2290 m) - cima Gruniu (2300 m) - cima Custura (2457 m) - cima Păpuşa (2500 m) - cima Peleaga (2509 m) - lago Bucura (2041 m).

 

Segnaletica: croce gialla su sfondo bianco;
Durata: 13 ore;
Grado di difficolta: Questo percorso fa parte dai percorsi turistici difficili delle Montagne cosi che e' raccomandato ai turisti avvanzati o fatto con una guida.



* Nota: i video hanno i sottotitoli - si prega di fare clic sul pulsante dei sottotitoli dal menu di controllo del video

Descrizione: Il percorso parte da Uricani verso nord, dalla confluenza del fiume Sterminos con il Jiul de Vest, sulla destra di esse. dopo cca 200 m dalla partenza, il sentiero incontra una strada forestale e dopo circa 1 km lo lasciamo prendendo il sentiero sulla sua sinistra, seguendo il segnale con la croce gialla. Il sentiero sale sul prato tra Sterminosu e Şerpoanea arrivando nella sella La Iepure. Passando dal bosco e passando una serie di prati, si sale verso Dealul Şerpilor (1463 m) che lo giriamo dalla sua destra, arrivando all'ovile di Şerpi. Di qui in avanti, tramite il bosco e lungo la cima Şerpilor, arriviamo in una sella larga, Şaua Tulişa a 1555 m altezza, sotto la cima Tulişa (1793 m), qui incontrando le croci comemorativi alzzate per ricordare i soldati morti nei combatimenti della prima guerra mondiale, da queste parti. Dalla sella, girando verso ovest, si sale verso la colina Făgeţel (1591 m) e si scende verso la sella Făgeţel (1390 m).
Da questo punto inizia una salita faticosa tramite il bosco e i ginepri sulla montagna Bilugu Mic (1532 m) e tramite il bosco, si continua verso la cima Bilugu Mare (1755 m). Da qui si scende in una piccola sella e si gira la Cima Sohodol (1900 m), il sentiero andando poi verso laCustura Văcărei, il versante NE della cima Văcărea (2284 m) la prima cima di piu di 2000 m sul percorso. Da qui il nostro percorso fa la cima principale, il sentiero passando quando sulla faccia del sud quando sulla cresta, passando da una serie de selle e toccando alcune cimi della cresta: cima Lazăru (2290 m), cima Gruniu (2300 m) e cima Ciumfu Mare (2335 m). Nella sella cima Ciumfu Mare e cima Valea Mare (2374 m), il versante si arrotonda fortemente e il percorso lascia il sentiero dei pecorai. Da qui il sentiero sale tra una piccola valle fino alla cima Valea Mare. Di seguito, si sale e si scende una serie di piccole cime e selle, verri scalini in pietra, la strada verso la cresta finendo con la cima Custura (2457 m). La cima Custura ci offre un'eccellente vista panoramica sul ramo del sud del Retezat, la vista essendo integrata al sud dalle cime delle montagne Vâlcan mentre all'est di quelle del massivo Parâng. Dal sotto della cima Custurii, si gira a destra e si arriva presto alla Finestra Custurii (2255 m). Da qui in avanti, il nostro percorso (crocce gialla) fa la cresta affilata che, partendo dalla cima Custura, arriva fino alla cima Păpuşa Mică (2376 m) e Păpuşa Mare (2508 m), collegando queste due creste principali delle montagne Retezat. Su questa sua parte, Custura Păpuşii presente incidenti di terreno che la fanno accessibile solo ai turisti avvanzati. Da qui il sentiero scende nella seda profonda tra le due cime del Retezat, Şaua Pelegii (2285m) e sale verso la cima Peleaga (2509 m), il decano d'altezza delle Montagne Retezat. Essendo isolato dalle altre cime del massivo, la cima Peleaga ci offre l'oportunita' d'ammirare il cuore di Retezat, in tutta la sua grandezza e bellezza.
Verso nord, diventa piu profondo il secchio glaciare della valle Rele, una valle ampia sul fondo di qui brillano le tauri della Vale Rele. Sullo sfondo, lontano all'orizonte si osserva la bella depressione di Haţegului. La cima Pietrele, con la cima Pietrele (2268 m) fanno da guardiani a sinistra della cima Zănoaga. Dietro la valle delle Pietre, la cima Stânişoara copre la parte bassa della cima Retezat, lasciando pero libera la cima di Retezat (2485 m alt.) che, da qui, sembra affillato e non come tagliato con la spada. Si potrebbe pensare che, facendo uno sforzo in avanti, il dragone ha tagliato la cima della Bucur, qui cima (2439 m) si vede di qui piatto. Il vicino della Bucura, la cima Judele(2400 m), si trova nella parte estica delle montagne Bârlea, mentre verso SE la cima Slăvei protegge la valle, del Lăpuşnicului Mare, dando buon giorno, sopra di essa, alla cima di Drăgşan. Verso SV, si vede la cima Custurii (2457 m), guardiano delle cime che fanno una catena, verso est, fino a Tulişa. Verso NE, a partire dalla cima Păpusa, sembrabdo le ditta di una mano, scendono le cime Valea Rea, Galeşu, Vârfu Mare e Vasielu, Picioru Lăncita. Verso ovest, a 500 de metri soto di noi, l'enorme secchio glaciare di Bucura si vede in tutto il suo spendore. Sul fondo del secchio, verso la sua tasca di nord-est, il lago Bucura brilla nel sole, essendo piu grande e piu bello di tutta la catena di laghi che si trova dall'altro margine della zanoagei. A 2208 m altezza, la valle Bucura riceve le acque di uno dei piu alti laghi alpini dai Carpati romeni, Tăul Agăţat. Piu in su, a 2240 m altezza sotto le parti di ovest della cima Bucura, brilla nel sole lo specchio di Tăului Porţii. Di forma irregolare, verso 2080 m alt., si vede il lago Florica. Molto irregolare come forma, segue piu in giu il lago Viorica (2070 m), con tre sateliti, tre piccoli laghi senza nome. Il filo di destra della valle Bucura, dopo che e passato dal lago Ana (1979 m), finisce nel lago Lia (1910 m), lo stesso come il filo sinistro della valle, che scende qui dal lago Bucura. Dal lago Lia, avvicinando i due filli d'acqua in uno solo, Valea Bucurei, scende veloce verso la Gura Bucurei (1587 m) dove, mischiando le sue acque con quelle di Pelega, fanno nascere il Lăpuşnicul Mare. Staccandoci con difficolta dalla bellezza offerta dal riposo sulla cima Peleaga, la strada di discesa verso il lago Bucura passa tra la Căldarea Berbecilor finche esce sul piccolo fiume che scende piano nel lago Bucura punto terminus di questo percorso verso l'angolo di nord-est del lago Bucura finendo poi la zona tramite qui si svuota il lago. La discesa dalla cima di Peleaga e' difficile sia come sforzo che come orientamento (segnaletica cuasi sparita, crea dei problemi nel trovare il sentiero).

 

 

2. Oraşul Uricani (720 m) - Şaua Tulişa (1555 m) - dealul Făgeţel (1589 m) - vf. Bilugu Mic (1463 m) - vf. Bilugu Mare (1764 m) - vf. Văcărea - vf. Lazaru(2282 m) - vf. Gruniu (2294 m) - vf. Custura (2457 m) - Şaua Plaiului Mic (1879 m) - vf. Drăgşanu (2080 m) - sub vf. Albele (2013 m) - Piatra Iorgovanului (2014 m) - Şaua Paltina (1935 m) - vf. Galbena (2194 m) - culmea Munţilor Godeanu - Băile Herculane. Este traseu de legatură.



Citta` Uricani (720 m) - Sella Tulişa (1555 m) - colina Făgeţel (1589 m) - cima Pilugu Mic (1463 m) - cima Pilugu Mare (1764 m) - cima Lazaru (2282 m) - cima Gruniu (2294 m) - cima Custura (2457 m) - Sella Plaiului Mic (1879 m) - cima Drăgşanu (2080 m) – sotto la cima Albele (2013 m) - Piatra Iorgovanului (2014 m) - Sella Paltina (1935 m) - cima Galbena (2194 m) – cima Montagne Godeanu - Băile Herculane. E' un percorso di collegamento.

Segnaletica: nastro rosso;
Tempo di percorso: 12 - 14 ore, fino a Piatra Iorgovanului; di qui in avanti, fino a Băile Herculane, circa 2 giorni.
Grado di difficolta: Alto;

Descrizione: E' un percorso turistico che attraversa il massivo da est a ovest sull acresta principale sudica. Ha come punto di partenza la cita di Uricani e fino alla Sella Tulişa segue il segnale crocce gialla su sfondo bianco, qui appare il segnale nastro rosso su sfondo bianco. Il percorso e' comune con quello descritto al punto 1 fino alla cima Custura (2457 m). Qui i due percorsi si dividono, il nostro percorso andando a sinistra, verso la Sella Plaiului Mic dove incroccia il percorso con nastro azzuro che arriva da Ohaba dal di sotto la Piatră tramite Poiana Pelegii verso Câmpu lui Neag vicino alla Baita Buta. Il percorso segue poi il la cima Drăgşanu, gira sulla sinistra la cima Albele (2013 me arriva in Piatra Iorgovanului(2014 m). Qui incroccia il percorso con triangolo rosso che arriva dal Câmpu lui Neag tramite Câmpuşel. I due percorsi hanno un pezzo di strada comune fino alla Sella Paltina (1935 m). Qui il percorso segnalato con triangolo rossu gira a destra verso Lunca Berhina, mentre il nostro percorso segue la linea della cresta toccando la cima Paltina (2149 m), cima Scurtu (2090 m) fino alla cima Galbena (2194 m). Qui incroccia il sentiero non segnalato che parte a destra verso il piatto Borăscu. Il percorso continua sulla cresta passando sopra la cima Micuşa (2162 m), passa sulla sinistra della cima Scărişoara (2210 m), cima Bulzului (2245 m) continuando verso cima la Godeanu.

 

 

3. Cheile Buţii (900m) - cabana Buta (1580 m) - Şaua Plaiului Mic (1879 m) - Poiana Pelegii (1587 m) - lacul Bucura (2041 m).



Cheile Buţii (900m) - baita Buta (1580 m) - Sella Plaiului Mic (1879 m) - Poiana Pelegii (1587 m) - lago Bucura (2041 m).

Segnaletica: crocce rosse;
Durata: 8,5 ore;
Grado di difficolta: media;



* Nota: i video hanno i sottotitoli - si prega di fare clic sul pulsante dei sottotitoli dal menu di controllo del video

Descrizione: Uno dei percorsi turistici che assicurano l'accesso nelle montagne di Retezat offrendo la possibilita' d'arrivare nel cuore del massivo e vedere tutti e due i rami, sia quella al nord che quella a sud e' il percorso: Cheile Buţii - Baita Buta - Sella Plaiului Mic - Poiana Pelegii - Lago Bucura. Il percorso e' uno di difficolta media, raccomandato sopratutto d'estate, accessibile a tutte le categorie di turisti. Puo essere percorso in una unica fase, facendo uno sforzo piu intenso, la durata essendo di circa 8,5 - 9 ore in rapporto con la preparazione fisica e il tempo per le pause per riposo e foto, o in piu fasi con possibilita' di dormire alla baita o nella tenda, sui posti speciali dedicati a questa fine. Il percorso puo essere iniziato da due punti: sia prima dell' ingresso in Chei , la partenza essendo su un sentiero che sale in curve strette e segue il segnale con nastro azzuro fino all'incroccio con la strada forestale che sale verso la baita Buta, sia dall'incroccio con la strada forestale Lazărul con DN66A, seguendo il segnale con la croce rossa. Partendo da un'altezza di crica 900 m in 4 - 4,5 ore possiamo arrivare alla baita Buta ad un'altezza di 1580 m. Fino nelle vicinanze della baita il turista sale lungo la strada forestale guardato da una parte e dall'altra di faggi alti, che, mentre si sale, lasciano il agli albeti. Tutta la strada fino alla baita siamo guardati dalle altezze del massivo Piule - Pleşa, mentre ogni tanto si vedeno le valli fatte nella pietra dal fiume Buta. Dopo l'arrivo in questo punto, la salita continua e dopo circa 50 minute arriviamo nella Sella Plaiului Mic (1879 m), posto d'incroccio dei percorsi turistici nel massivo, qui incontrandosi le strade di Buta, Bucura, Iorgovana, Custura. Se durante la salita abbiamo ammirato le viste bellissime, ora l'attenzione va verso la particolare sculttura della valle Bucura, inquadrata dalle gigantiche spalle di Slăvei e le dantela di Pelega. Da questo punto di vista possiamo dire che siamo nel cuore di Retezat. Il percorso continua verso Poiana Pelegii seguendo i segni con crocce rossa, passando vicino ai due laghi alpini, I laggi della Păpuşa (1855 m) scendendo fra i cespugli di ginepri incontrando ogni tanto piccole fonti d'acqua per berre, arriviamo in un posto dove, all'incontro delle acque di Bucura e Peleaga, nasce il fiume Lăpuşnicu Mare ("La Scorţar" - 1587 m). Da qui in avanti, una salita dritta sulla parte sinistra della vale ci porta nella Poiana Pelegii. Avendo una seuperficie grossa e fonti sufficienti, il prato offre un posto per le tende molto buono, con la possibilita' di fare gite verso Bucura e Slăvei, ma anche verso Peleaga. Da qui, continua il percorso salendo sul sentiero con crocce rossa, tramite il bosco. Da qualche parte, l'ombra del bosco e' interrotta da prati e posti luminsoi. Lungo alcune di loro, piu lunghe, i pilastri della segnaletica ci agevolano l'orientamento se c'e' nebbia. Piu in la, il sentiero arriva sulla valle da dove sentiamo, senza riposo, l'acqua di Bucura che scorre. Continuando la salita, entriamo nella zona dei ginepri e passiamo, uno dopo l'altro, due torrenti alpini. All'ultimo di questi, giriamo un po a destra, tra i ginepri, e si sale . arriviamo dopo un po a uno dei terrazzi della vale. Segue poi il seguente terrazzo glaciare, incontriamo un pilastro con il segnale freccia ("Verso baita Buta, tramite Gura Bucurei, 3 1/2 ore"). Da qui si si vede il lago Bucura, girando un po verso sinistra, scendiamo la parte con erba. Dopo due ore dal passaggio vicino a Gura Bucurei, arriviamo al lago Bucura (2041 m), nel punto in qui le acque sccorrono giu verso il lago Lia.

 

 

4. Cheile Buţii (900 m) - Dâlma Mare (1671 m) - Vf. Pleşa (1840 m) - Vf. Piule (2081 m) - Şaua Scorota (Iepii -1920 m) - Cabana Buta (1580 m)



Cheile Buţii (900 m) - Dâlma Mare (1671 m) - cima Pleşa (1840 m) - cima Piule (2081 m) - Sella Scorota (Iepii 1920 m) – Baita Buta (1580 m)

Segnaletica: Nastro giallo su sfondo bianco;
Tempo di caminare: 8 - 9 ore;
Grado di difficolta: medio, la differenza di livello essendo di solo 1400m;

Descrizione: Il percorso inizia dal Cheile Buţii essnedo un percorso di circuito. Si parte dal Cheile Buţii su una strada d'accesso auto fino all'incroccio con DN66A. Qui si gira a destra e dopo circa 1 km, si attracersa il Jiul de Vest su un ponte in ferro (usato dalla stazione pluviometrica). Da qui il segnale e' visibile e segue il fiume Pleşa, salendo verso Dâlma Mare. Qui e' necessaria l'alimentazione con acqua perche sul percorso, fino alla baita Buta non si trovera nessuna fonte d'acqua. Il percorso incontra nell'ultimo prato in Dâlma Mare una chiesa recente. Da qui il percorso sale su un sentiero sinuoso, arrivando nel vuoto alpino vicino all'ovile di Pleşa. Attraversa il vuoto alpino sulla parte superiore di esse, passa tra un gruppo di albeti (cca 200 m) ed esce di nuovo nel vuoto alpino seguendo il prato che sale versola cima Pleşa(1840). Da qui il perche segue la linea della cresta fino alla cima Piule (2081). Dalla cima la cresta si divide in due prati: qurello sulla sinistra scende verso Câmpu Mielului, mentre quello di destra scende fino alla Sella Scorota, dove incroccia il percorso marcato con punto giallo che sale dalla Valle scorota. Dal questo punto i percorsi si sopramettono e scendono insieme verso l'ovile di Buta. Da qui si puo vedere la baita Buta dove si arriva in circa 10 minuti.

 

 

5. Câmpu lui Neag (800 m) - Gura Butei (860 m) - Cheile Scocului (1185 m) - Câmpu Mielului (1065 m) - Câmpusel (1180 m) - Piatra Iorgovanului (2014m) - Lunca Berhina



Câmpu lui Neag (800 m) - Gura Butei (860 m) - Cheile Scocului (1185 m) - Câmpu Mielului (1065 m) –Câmpusel (1180 m) - Piatra Iorgovanului (2014 m) - Lunca Berhina

Segnaletica: triangolo rosso su sfondo bianco;
Durata: 8 ore;

Descrizione: E' un percorso turistico che coolega la valle del Jiu de Vest e la valle del Lăpuşnicu Mare, tramite Retezatul Mic.
Il percorso inizia da Câmpu lui Neag seguendo la strada ammodernata costruita in parallelo con il Jiul de Vest. Nella Gura Butei lascia a destra il segnale con nastro azzuro verso Cheile Buţii e segue la strada fino a Cheile Scocului. Da qui la strada continua verso Câmpu Mielului, lascia a destra il percorso marcato con punto giallo verso Cheile Scorota e continua fino alla casa di caccia Câmpuşel (1180 m). Qui il nostro percorso lascia la strada moderna e gira a destra su Scocul Iarului. Il percorso sale all'inizio, tramite il bosco, seguendo la linea della cresta arrivando nel massivo Piatra Iorgovanului (2014 m) dalla parte del sud. Il nostro percorso incontro poi quello di cresta con segnale nastro rosso che arriva da Uricani tramite la Sella Plaiului Mic e va verso la Descriere Godeanu. I due percorsi hanno una parte comune fino alla Sella Paltina (1935 m), dopo di che il nostro percorso gira a destra e scende sulla Valle Paltina verso Valea Lăpuşnicului in un posto chiamato Lunca Berhina. Qui il nostro percorso incontra quello marcato con un punto azzuro che arriva dalla localita' Brazi dalla Baita Gura Zlata e va verso la Sella Peleaga e il percorso punto giallo verso il lago Bucura sul versante di Slăvei.

 

 

6. Câmpuşel (1180 m) - Scocul Scorotei - Stâna Scorota - Şaua Scorota (Iepii -1920 m) - Buta Mică - Cabana Buta (1580 m)



Câmpuşel (1180 m) - Scocul Scorotei - Ovile Scorota - Sella Scorota (Iepii -1920 m) - Buta Mică - Baita Buta (1580 m)

Segnaletica: punto giallo su sfondo bianco;
Tempo da caminare: 4 - 5 ore;
Grado di difficolta: medio, la differenza di livello essendo di 740 m;

Descrizione: Il percorso parte dal DN66A e sale sulla valle di Scorotei. Il sentiero segue il fillo secco della valle salendo in modo facile, dopo circa 30 minuti arriaviamo in un posto chiamato La Cutoni. Qui la valle si divide in due, alla sinistra la Valle Scorota Seacă, sulla destra Scorota cu Apă, su questa ultima andando anche il nostro percorso. Il sentiero sale nel bosco e dopo circa 30 minuti arriva vicino alla faccia con Lăstuni vicino all'uscita dal bosco. Da qui l'inclinazione e' piu accentuata, il sentiero portandoci all'ovile di Scorota, posto dove la valle si apre e ci offre una vista splendida. Subito dopo l'ovile il sentiero gira a destra, passa sopra il fiume Scorota e inizia a salire verso la Sella Scorotei(1920 m), sotto i pareti dritti di Drăgşan, chiamati Moara Dracilor (Mulino dei Diavoli). Dalla sella possiamo ammirare le cime dalla parte centrale del massivo. Qui incrocciamo il percorso marcato con nastro giallo che arriva dal Piule-Pleşa, da questo punto i percorsi essendo comuni fino alla baita Buta.

 

 

 

PERCORSI TURISTICI NELLE MONTAGNE VÂLCAN

1. Câmpu lui Neag (intersecţia DJ 685C cu DN66A, pe lângă barajul Valea de Peşti) - Valea de Peşti - Şaua Căzută - Bucium - Sohodol - Cheile Sohodolului - Comuna Runcu.



Câmpu lui Neag (incroccio DJ 685C con DN66A, lungo la diga Valea de Peşti) - Valea de Peşti - Sella Căzută –Bucium - Sohodol - Cheile Sohodolului – Comune di Runcu.

Segnaletica: triangolo rosso;
Tempo da caminare: 9 - 10 ore d'estate, 11 - 13 ore d'inverno;
percorso: accesso difficile d'inverno.

 

 

2. Câmpuşel (1180 m) - Pasul Jiu - Cerna (1330 m) - Şaua La Suliţi - Muntele Bou - Muntele Cioclovina - Mănăstirea Tismana.



Câmpuşel (1180 m) - Pasul Jiu - Cerna (1330 m) - Sella La Suliţi - Montagna Bou - Montagna Cioclovina - Monasterio Tismana.

Segnaletica: triangolo azzuro (ex triangolo rosso);
Tempo da caminare: 9 - 10 ore;
Percorso: non e' raccomandato d'inverno.

 

 

3. Câmpuşel - Muntele Coada Oslei - Şaua Groapa Nedeuţii - La Bârloaga - Valea Bistriţei - Gureni - Pestişani.



Câmpuşel - Montagna Coada Oslei - Sella Groapa Nedeuţii - La Bârloaga - Valle Bistriţa - Gureni - Pestişani.

Segnaletica: triangolo rosso;
Tempo da caminare: 11 - 12 ore;
Percorso: non e' raccomandato d'inverno.

 

 

4. Baraj Valea de Peşti (910 m) - Valea Strâmbu - Vf. Arcanu (1760 m) - Vf. Prisloapele Mari (1614 m) - Şaua Groapa Nedeuţii - Coada Oslei - Vf. Oslea - Pasul Jiu-Cerna - Câmpuşel



Diga di Valea de Peşti (910 m) - Valea Strâmbu - Cima Arcanu (1760 m) - Cima Prisloapele Mari (1614 m) - Sella Groapa Nedeuţii - Coada Oslei - Cima Oslea - Pasul Jiu-Cerna - Câmpuşel

Segnaletica: punto azzuro, nastro rosso, triangolo rosso;
Tempo da caminare: 10 - 11 ore;
Percorso: non e' raccomandato d'inverno.

 

 

5. Câmpu lui Neag - Baraj Valea de Peşti 


Câmpu lui Neag - diga di Valea de Peşti

Segnaletica: triangolo rosso dall'incroccio della strada forestale Arcanu fino al motel Valea de Peşti;
Tempo da caminare: 2 ore;
Percorso: Puo essere fatto in ogni periodo dell'anno.

 

 

6. Câmpu lui Neag - Baraj Valea de Peşti - Şaua Dâlma Căzută - Muntele Şigleul Mare - sub Vârful Muncel - Şaua Prislop - Straja



Câmpu lui Neag - diga di Valea de Peşti - Sella Dâlma Căzută - Montagna Şigleul Mare – sotto la Cima Muncel - Sella Prislop –Straja

Segnaletica: triangolo rosso motel Valea de Peşti - Sella Dâlma Căzută; nastro rosso: sella Dâlma Căzută - sella Prislop;
Tempo da caminare: 10 - 11ore;
Percorso: Puo essere fatto in ogni periodo dell'anno.